Titolo da Monitorare

Pictet-USA Index-R $


LU0130733172

Politica d’investimento

Il fondo a gestione passiva Pictet-USA Index-R $ (vai alla scheda del fondo su FondiDOC) è stato creato con l’obiettivo di replicare totalmente l’indice americano S&P 500, il quale segue l'andamento di un paniere azionario costituito dalle 500 aziende a maggiore capitalizzazione del mercato statunitense. Nello specifico, il comparto si propone di minimizzare il tracking error, ossia la differenza tra i rendimenti registrati dal fondo e quelli ottenuti dal benchmark, tentando di mantenere tale scostamento al di sotto dello 0,2 per cento in condizioni di mercato normali.
Siccome l’intento è quello di replicare fisicamente l’indice, la composizione del portafoglio tenderà a rispecchiare quella utilizzata dal benchmark. La politica prevede infatti che il patrimonio sia investito in titoli o attività che riflettano tutti i componenti dell’indice di riferimento o, comunque, un numero rilevante degli stessi. Non avendo quale obiettivo quello di sovra-performare il benchmark, al gestore non è consentito modificare il portafoglio al solo fine di aumentarne i rendimenti in fasi di mercato positive o per assumere posizioni difensive nelle fasi di declino. Eventuali ribilanciamenti sono dunque concessi solo allo scopo di riprodurre più fedelmente le performance tracciate dall’indice di riferimento.
Come prevedibile, l’attuale composizione del portafoglio mostra una forte esposizione verso il mercato azionario statunitense, il quale occupa una quota intorno al 99,5 per cento degli asset totali. La ripartizione per settore evidenzia una prevalenza di investimenti nell’ambito della tecnologia (20,8 per cento), della finanza (14,6 per cento) e della sanità (13,7 per cento).

 

Analisi storica

Il fondo, quotato nell’ottobre del 1999, presenta una serie di rendimenti molto estesa che consente di valutare l’andamento anche sul lungo periodo. Analogamente a quanto fatto dall’indice S&P 500, il fondo ha inizialmente registrato un calo tra il 2000 ed il 2003, poi seguito da una fase di lenta ripresa che, tuttavia, si è ben presto arrestata a causa l’avvento della crisi del 2007. La successiva decrescita è poi culminata nel marzo del 2009 con un minimo che ha sancito l’inizio di una nuova fase espansiva, più forte e duratura. Malgrado le lievi incertezze che si sono verificate a cavallo tra il 2015 ed il 2016, il fondo ha comunque performato egregiamente, mettendo a segno, in tale arco temporale, rendimenti compresi tra l’11,5 ed il 27,5 per cento all’anno. Tali ottime performance sono state riconosciute dal sistema FIDArating, il quale ha deciso di premiare il fondo assegnandogli una valutazione pari a 5 corone.

 

Analisi competitiva

Il fondo, replicando la composizione dell’indice S&P 500, viene messo a confronto, nell’analisi competitiva (fonte FIDAworkstation Plus, provala gratuitamente!), con la categoria FIDA “Azionari Usa -Large & mid Cap”. Per quanto riguarda le performance a 3 e 5 anni, il fondo si posiziona tra i migliori del settore, avendo cumulato, su tali orizzonti, rendimenti rispettivamente pari a 64 e 122 per cento. Le performance ad un anno, pari al 22,8 per cento, appaiono in linea con la media della categoria. Per quanto riguarda la volatilità, sia assoluta (15,3 per cento) che negativa (9,2 per cento), il fondo si colloca a livello del secondo quintile dei risultati nell’ultimo anno. Il valore del draw down, per quanto elevato (52,3 per cento) pare aver intrapreso, negli ultimi anni, un sentiero di riduzione consistente.

 

Giudizio

Il fondo, con un grado di rischio (SRRI) pari a 5, si adatta ad un profilo di investitore con avversione al rischio medio-bassa. Esso è inoltre indicato per coloro che prevedono di poter mantenere in essere l’investimento per un periodo non inferiore a cinque anni e che desiderano esporre il proprio portafoglio al mercato azionario USA.
Con un PIL stimato al 2,3 per cento per quest’anno ed al 2,5 per cento per il 2018, le previsioni sulla crescita americana appaiono estremamente positive. Se tale trend dovesse effettivamente confermarsi, le prospettive di rendimento del fondo potrebbero rivelarsi molto interessanti.